NUCLEARE

Apocalisse atomica

Anche l’Europa è succube del progetto Usa per uno scudo antimissile nucleare.
Ma intanto la paura dilaga e ogni Stato vorrebbe il suo sistema di difesa da sferrare contro il nemico.
Angelo Baracca

Dopo il crollo dell’Urss siamo stati inondati da fiumi di retorica sulla fine della barbarie e le magnifiche sorti della democrazia (portata, a dire il vero, a suon di bombardieri, missili e proiettili a uranio impoverito!).
A distanza di quasi vent’anni ci troviamo con tensioni esplosive e venti di guerra. L’Europa è ricondotta in una situazione che ricorda quella della Guerra Fredda, di nuovo possibile teatro di uno scontro missilistico fino all’ultima atomica.
Le legittime e giustificate speranze di disarmo atomico che si erano aperte sono state vanificate e rovesciate, semplicemente assegnando agli armamenti nucleari un ruolo completamente diverso e ben più rischioso di quello di deterrenza dell’“equilibrio del terrore”: il nuovo ruolo come armi decisive da usare sul campo di battaglia, anche in funzione preventiva, li rende più indispensabili che mai per i militari.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26