Una tomba che risuona

Il vescovo melchita di Nazareth: “Vivere insieme fra diversi non è una condanna ma un privilegio”.
Elias Chacour (Vescovo melchita di Nazareth)

Sono convinto che ognuno di voi possa fare la differenza. Nessuno di voi è impotente. Può darsi che voi siate amici degli ebrei israeliani o dei palestinesi. È molto bello essere amici degli ebrei; non è male esserlo dei palestinesi. Ma se siete amici degli ebrei, dovreste fare di tutto per costruire un ponte tra i vostri amici e i loro nemici, cioè tra israeliani e palestinesi. Se poi siete amici dei palestinesi, questo è molto buono: prendete le parti dei palestinesi: sarete per una volta dalla parte giusta! Ma se la vostra amicizia per noi palestinesi dovesse significare non essere amici degli ebrei, non sarebbe una buona cosa. Noi allora non avremmo bisogno della vostra amicizia. Dev’essere chiaro: essere amico dei palestinesi non significa accettare tutto quello che i palestinesi fanno.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

11 febbraio 1929
FEBBRAIO 2019

11 febbraio 1929

Riuscirà pian piano (o più rapidamente...)
la nostra Chiesa a essere, come le altre,
chiesa libera tra chiese libere?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.16