Spese militari, commercio di armi e campagne per il controllo degli armamenti

Un'anticipazione da "Fare pace: odio. Annuario geopolitico della pace 2007"
24 dicembre 2007 - Giorgio Beretta
Fonte: Peacelink

Avevano suscitato anche qualche rimostranza da parte dell'allora presidente della Banca Mondiale, James Wolfensohn. Alla fine del suo quasi decennale mandato nel 2005, Wolfensohn si era detto frustrato per non essere riuscito "a far capire ai leader mondiali e di diversi paesi che la vera sfida per la stabilità globale è la povertà". "Non è che la questione del terrorismo non sia importante: ma nel mondo stiamo spendendo 1.000 miliardi di dollari all'anno in spese militari a fronte di circa 50 o 60 miliardi per lo sviluppo. Sono convinto che se spendessimo più soldi per dare speranza alla gente, per combattere la povertà ci sarebbero meno guerre e avremmo probabilmente un miglior uso delle nostre risorse", aveva sostenuto Wolfensohn.
Continua

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier è dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27