EDITORIALE

Non solo gregoriano

La redazione

In altre occasioni ci si stracciava le vesti perchè si toccavano valori ‘non negoziabili’. Ora forse, almeno le vesti non sono a rischio. Anzi. A rischiare la pelle oggi sono… le bandiere. Soprattutto quelle della pace. “Come mai uomini di Chiesa, laici o chierici che siano, hanno per tutti questi anni ostentato la bandiera arcobaleno e non la croce, come simbolo di pace? Sarebbe interessante interrogare uno per uno coloro che, forse anche inconsapevolmente, hanno affisso sugli altari, ingressi e campanili delle chiese lo stendardo arcobaleno”, scrive solennemente l’agenzia vaticana Fides.
Per quel che ci riguarda, nessuna difesa d’ufficio. Certo, in quel popolo colorato ci siamo ritrovati anche noi, in più di una circostanza, semplicemente con un ‘segno’ che parla a tutti al di là di lingua, razza o religione. A Sarajevo con don Tonino Bello, sotto l’assedio del 1992, o in Kossovo, in Iraq, in Palestina, in Congo. In Burundi, in Salvador e in tante manifestazioni, come la Perugia-Assisi.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26