Americani più poveri e più armati

27 ottobre 2008 - Tonio Dell'Olio

Il numero odierno del Wall Street Journal riferendo dei sintomi drammatici dell'economia statunitense e delle conseguenze della crisi economica sulla vita reale della gente, scrive che i consumi degli americani si sono ridotti in maniera drastica. È in crisi il settore automobilistico e quello degli elettrodomestici, quello immobiliare e del turismo.
C'è un solo settore che nello stesso periodo preso in esame dall'articolo ha visto incrementare le vendite: il settore delle armi. Si parla soprattutto delle armi per la difesa personale la cui vendita è aumentata intorno all'8-10 per cento. Mancano al momento degli studi ad hoc su questo fenomeno ma il giornale commenta dicendo che è il frutto dell'incertezza causata dalla stessa crisi e dice che tra gli americani si diffonde la paura che l'aumento della povertà possa far crescere altresì i furti e le rapine.
Quanta tristezza in tutto questo! Una società che impoverendosi non fa scattare dinamiche di solidarietà ma di inimicizia.
Un individualismo spinto, un egoismo diffuso che sfocia nella diffidenza e nel sospetto, degenera nella violenza e si sente sicuro solo se armato.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20