Maroni e gli islamici in Italia

6 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

La Consulta islamica era nata nel 2005 presso il Ministero dell'Interno presieduto all'epoca da Pisanu e il suo successore Amato l'aveva rafforzata fino a pervenire a risultati concreti quali la "Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione".
Il leghista Maroni a tutt'oggi non ha ancora convocato questo tavolo che aveva programmato un percorso assolutamente apprezzabile per giungere a una vera integrazione consapevole e attiva dei cittadini e delle cittadine di fede musulmana. Per questa ragione alcuni dei membri della Consulta hanno inviato una rispettosa lettera al ministro per ripristinare quell'organismo.
Siamo in molti a confidare nella sensibilità democratica di chi governa questo Paese e a sperare che la "questione islamica" non sia ridotta a problema di sicurezza. Per questo facciamo nostra la conclusione dell'appello dei rappresentanti delle organizzazioni islamiche al ministro: "Caro ministro, non spezzi il filo del dialogo e ci convochi al più presto".

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36