Maroni e gli islamici in Italia

6 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

La Consulta islamica era nata nel 2005 presso il Ministero dell'Interno presieduto all'epoca da Pisanu e il suo successore Amato l'aveva rafforzata fino a pervenire a risultati concreti quali la "Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione".
Il leghista Maroni a tutt'oggi non ha ancora convocato questo tavolo che aveva programmato un percorso assolutamente apprezzabile per giungere a una vera integrazione consapevole e attiva dei cittadini e delle cittadine di fede musulmana. Per questa ragione alcuni dei membri della Consulta hanno inviato una rispettosa lettera al ministro per ripristinare quell'organismo.
Siamo in molti a confidare nella sensibilità democratica di chi governa questo Paese e a sperare che la "questione islamica" non sia ridotta a problema di sicurezza. Per questo facciamo nostra la conclusione dell'appello dei rappresentanti delle organizzazioni islamiche al ministro: "Caro ministro, non spezzi il filo del dialogo e ci convochi al più presto".

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24