ULTIMA TESSERA

La scuola va in piazza

Un' "onda anomala" si è abbattuta sulla scuola. Studenti e insegnanti contro il decreto di riforma proposto dalla Gelmini: cosa chiedono?
Valeria Carrieri (UDS – Unione degli Studenti)

Dall’inizio della scuola più di 450 cortei di studenti medi si sono snodati nelle città di tutta la penisola. Le scuole si sono mobilitate per i provvedimenti del decreto 137, convertito in legge il 29 ottobre scorso dal governo, senza tener conto e aver mai consultato le parti interessate, tra cui gli studenti. È anche principalmente contro il metodo adottato dal ministro Mariastella Gelmini che le proteste sono iniziate. Al ritorno dall’estate studenti, insegnanti, personale non docente e genitori si sono ritrovati sui banchi, come spesso accade in materia di scuola, un pacchetto regalo di nuove norme portate in parlamento mentre erano in vacanza. Il tutto, per l’ennesima volta senza esser stati consultati, su questioni vitali per coloro che la scuola la vivono ogni giorno. Neanche le rappresentanze, i sindacati o le associazioni sono state interpellate e il dibattito parlamentare stesso sul decreto è stato infine quasi nullo.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25