POLITICA

La religione della paura

Dalla profezia dell’Arena al triste e preoccupante populismo etnico.
Verona si riveste di paura, di ossessione della sicurezza, di estremismo, di una logica tribale e di religione civile settaria.
Sergio Paronetto

Le paure sono tante come le solitudini. È bene vederle e attraversarle, capirne i motivi. Una paura incontrollata, scriveva M.L.King, può generare “una covata di fobie” e avvelenare il clima sociale. Soprattutto se diventa merce elettorale usata per conquistare il consenso politico a tutti i costi. È ciò che è successo a Verona, città ricca di iniziative civili e di risorse democratiche (molti ricordano gli incontri areniani dei “Beati i costruttori di pace” o il “Giubileo degli oppressi”), diventata cantiere di un progetto tribale e autoritario in proiezione europea.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20