Vergogna a grappolo

19 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

I mondi dell'informazione e della politica fanno senz'altro bene ad occuparsi dell'elezione (o nomina?) del presidente della Commissione di vigilanza della RAI e della crisi dell'Alitalia ma permettetemi di dire che se non più importante, è sicuramente urgente prendere posizione circa le cluster bombs. Mai sentito? Sono le bombe a grappolo che nei conflitti degli ultimi anni hanno provocato un numero drammaticamente impressionante di vittime e che si comportano come le mine classiche rimanendo a volte inesplose sul terreno e compromettendo il futuro di economie già povere e di vite già precarie.
"Una cluster bomb non esplosa mantiene la sua potenzialità letale praticamente all'infinito – si legge sul sito campagnamine.org – e diventa molto più pericolosa di una mina antipersona in quanto può esplodere alla minima sollecitazione anche casuale con effetti letali 3 volte superiori a quelli della più potente mina ad azione estesa ad oggi conosciuta".
La Simmel Difesa di Colleferro è l'azienda italiana che finora ha prodotto ed esportato questa vergogna internazionale. Il Parlamento e il Senato sono i luoghi in cui si deve urgentemente ratificare il Trattato internazionale per la messa al bando delle bombe a grappolo.
Noi possiamo firmare un appello ai parlamentari andando sul sito che ho indicato.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20