Affare comune

28 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

Se la mafia fosse un grande albero ben piantato nel terreno, l'arresto di un boss, fosse anche il capo dei capi, equivarrebbe a tagliare un ramo importante. Storicamente le mafie hanno dimostrato ampiamente di riuscire a rigenerarsi con una rapidità da Formula uno.
Il vero problema è alle radici dell'albero e nel terreno in cui esso è piantato. Bisognerebbe avere l'intelligenza e la forza di bonificare il terreno, di interrompere il passaggio di linfa nuova all'interno del tronco, dei rami e delle foglie.
Per questo l'impegno non può essere solo repressivo ma sempre più deve diventare anche culturale diffuso e radicato. Guai infatti se anche in questo caso delegassimo solo alcuni addetti ai lavori e se questo impegno non diventasse urgenza condivisa.
Il kit "Affare comune" che è stato da poco elaborato da Libera Formazione e che si può scaricare gratuitamente e liberamente dal sito di Libera viene incontro a questa esigenza. Segnalarlo, utilizzarlo, proporlo, è un dovere di cittadinanza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36