La Regione Lazio per la pace

4 dicembre 2008 - Tonio Dell'Olio

Ogni tanto una buona notizia, direbbe la cara Gabbanelli di Report. Nella direzione giusta. Costruire una cultura della pace e non soltanto intervenire in modo estemporaneo. Garantire continuità all'impegno e non limitarsi a rincorrere l'ennesima emergenza. Costruire politiche e non limitarsi a fare politica. La Regione Lazio ha approvato una legge il cui titolo racchiude una sfida e un impegno: Promozione ed attuazione delle iniziative per favorire i processi di disarmo e la cultura della pace. La Regione Lazio assume questo impegno "nell'ambito delle proprie competenze e in coerenza con i principi di pace, - si legge nel primo articolo - di coesistenza pacifica, di giustizia, ripudio della guerra quale strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e quale mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, sanciti nel proprio statuto, dallo statuto delle nazioni unite e dalla costituzione della repubblica italiana" (art. 1).
Ce n'è a sufficienza per prevedere tutti gli sforzi necessari per sostenere attività, iniziative, percorsi… nella direzione giusta. Quella della pace. Sarebbe bello se chi legge provasse a proporre (dal basso) la stessa formula anche per la propria regione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36