Diritti da mangiare

9 dicembre 2008 - Tonio Dell'Olio

Da vivere e non da celebrare questi sessant'anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Non perché non ci sia nulla da celebrare ma semplicemente perché è molto più importante capire quale contributo si può e si deve offrire affinché quei diritti diventino sangue vivo nelle vene della terra. Emanuel Maria Vura, sacerdote ugandese presidente della Commissione giustizia e pace della diocesi di Arua (nel nord ovest del paese a ridosso del confine con la Repubblica democratica del Congo) da anni coordina il "Progetto Uganda" che non solo riesce a sottrarre bambini soldato alle file del temibile Lord Resistance Army ma li avvia al lavoro dei campi per ricavarne arachidi, mais, sorgo, fagioli, sesamo, soia, manioca, riso e ortaggi rilanciando l'agricoltura di quella regione.
Presentando il progetto in un recente passaggio in Italia, padre Emanuel ha spiegato che circa il 75% del raccolto viene consumato dalle famiglie, il 20% viene venduto, mentre il 5% del raccolto viene conservato per la semina successiva. Quando i diritti hanno il profumo e il sapore dei prodotti dei campi e non quello incolore delle parole, costruiscono, riscattano, liberano. In una parola sfamano.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36