EDITORIALE

Per un nuovo diritto dei popoli

La redazione

Abbiamo dato inizio al nuovo anno e per questo scrutiamo l’orizzonte per capire dove si addensano le nubi e da dove invece giungono i tenui raggi che possano scaldare le speranze dei poveri. L’anno che ci lasciamo alle spalle sembra aver spalancato nuovamente i portali alla guerra che si è presentata sulla scena del mondo travestita di orpelli giuridici che la giustificassero riciclandola sul vasto teatro del mondo. Gli sforzi e le politiche dei “grandi” della terra sono rivolti alla costruzione di un nuovo ordine mondiale, “gerarchico”, in cui a farla da padrone assoluto vi sia la sovranità statuale libera una volta per tutte da vincoli giuridici ed etici. Un disegno macchinoso e diabolico che consenta alla guerra, soprattutto nella sua veste “preventiva”, di tornare ad essere protagonista sul palcoscenico internazionale.
Ma i sogni di pace che hanno colorato il mondo nello scorso anno continueranno a vivere, sostenuti dalle Chiese che invocano la nonviolenza e da coloro che stanno contribuendo a tessere la trama di un diritto internazionale “nuovo” perché fondato in modo ancora più radicale sulla ricerca di vie alternative alla guerra. Un diritto che abbia più vigore e che dia voce alla giustizia penale internazionale, alla Corte penale internazionale, al processo di unificazione politica mondiale attorno a un’ONU più democratica ed efficace. “Sul diritto internazionale come via per il raggiungimento della pace mondiale” è fondato il messaggio di papa Giovanni Paolo II per la Giornata mondiale della pace celebrata lo scorso 1 gennaio 2004. Ne è nato, in questo inizio di anno, un rinnovato invito a considerare centrale nella vita di ogni cristiano la “missio ad pacem” , la vocazione a perseverare nella ricerca della pace. In una riflessione pubblicata da Mosaico di pace (Quaderno n.15) , il prof. Antonio Papisca commenta l’invito del Pontefice e ricorda che “la forza del diritto” è tutela e garanzia di pace.
La sua riflessione ribadisce, con fermezza e chiarezza, l’urgenza di porre l’ONU nelle condizioni di adempiere ai propri fini statutari, di democratizzare la sua struttura e di coniugare, nel rispetto dei principi dell’attuale diritto internazionale, sicurezza collettiva, ordine pubblico internazionale e diritto alla pace. “Alla logica del tenersi preparati alla guerra la Carta delle Nazioni Unite sostituisce quella del disarmare, del prevenire i conflitti e del far funzionare la sicurezza collettiva” , afferma il prof. Papisca nella sua riflessione.
L’ ordine mondiale oggi è costruito sul rispetto della dignità “inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali e inalienabili”. Rispetto che costituisce “il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo” (preambolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani) . Insomma, un vero e proprio inno alla vita, da conservare, preservare e attuare. Mosaico di pace vuol dare inizio a questo suo quindicesimo anno di pubblicazione schierandosi decisamente dalla parte di chi pone mano alla costruzione di un diritto che promuova e difenda la pace e bandisca definitivamente la guerra dalla faccia della terra: “Ut populi vivant” – perché i popoli vivano – e “ne populi ad arma veniant” – perché i popoli non vengano alle armi. In definitiva vogliamo continuare a coltivare con voi la pace. Per tutti.

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29