La teoria dell'equivicinanza 2

16 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

L'equidistanza ti porta a non prendere posizione, l'equivicinanza ti muove verso gli sconfitti. L'equidistanza ti lascia comodamente nel salotto di casa tua mentre l'equivicinanza non ti lascia dormire la notte e ti inquieta fino a quando non avrai fatto tutto il possibile perché l'orrore finisca.
L'equidistanza pensa agli effetti diplomatici e politici delle tue parole e stai attento a non pronunciare frasi che rovinino le tue amicizie. L'equivicinanza dice pane al pane e vino al vino perché solo la verità senza annacquamenti può aiutare tutti e tutte a rendersi conto della realtà e a risparmiare vite umane.
L'equidistanza giura a se stessa di citare le vittime israeliane ogni volta che si contano gli uccisi palestinesi. L'equivicinanza non teme di chiamare genocidio quello che sta avvenendo a Gaza e sa che i razzi di Hamas sono il terrore delle popolazioni al confine e che sono puntati contro la speranza. Non aiutano a far comprendere la causa palestinese alle coscienze del mondo.
L'equidistanza ti fa guardare da lontano e superpartes obiettivi, statistiche e numeri freddi. L'equivicinanza ha il coraggio di ascoltare tutte le storie e di chiamare per nome le vittime.
L'equidistanza c'è già nel vocabolario italiano e pertanto è stata sperimentata tante volte con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. L'equivicinanza è sottolineata in rosso anche dal programma del pc e pertanto è soluzione creativa che potrebbe introdurre un elemento di novità nella soluzione di ogni stupida guerra.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20