Chiese in USA

“Ora la nostra speranza è che possa fiorire per il popolo iracheno la libertà nel loro Paese”: così ha affermato il 15 dicembre il Consiglio nazionale delle Chiese cristiane degli Stati Uniti (NCCCUSA) in una dichiarazione all’indomani della cattura del ex raìs Saddam Hussein. La clamorosa notizia è stata accolta favorevolmente dai responsabili delle Chiese americane che chiedono al proprio governo di “non cadere nella tentazione di vendetta o di opportunismo, ma di facilitare il processo a Saddam Hussein con l’aiuto dei massimi standard giudiziari internazionali”.
Il NCCCUSA è il più rappresentativo organismo ecumenico degli USA: vi aderiscono 36 denominazioni in rappresentanza di oltre 50 milioni di Cristiani protestanti, anglicani e ortodossi.

Fonte: nev/gc

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36