Lezioni islamiche

22 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

"Ho preparato una direttiva che verrà inviata a tutti i prefetti affinché fatti come quelli avvenuti davanti al Duomo di Milano non abbiano a ripetersi", ha chiarito il responsabile del Viminale rispondendo ad un'interrogazione al question time alla Camera. I fatti cui Maroni si riferisce sono le preghiere delle comunità di fede islamica nei tristi giorni del genocidio di Gaza.
La preghiera spesso è l'ultimo tozzo di pane raffermo che resta nella bisaccia nel tempo degli stenti. Quando hai dato fondo a tutte le altre risorse e dici: "Non ci resta che pregare". Linguaggio dei poveri, la preghiera è la forza della fede, invocazione che chiede a Dio nel momento in cui gli uomini sono sordi. Ammetto che per le comunità palestinesi e arabe quella preghiera aveva anche un significato simbolico e che la preghiera si rivestiva di protesta, ma mille volte meglio questa forza simbolica e nonviolenta che la parola tragica della violenza e delle armi.
Possibile che il ministro degli interni non lo capisca? Eppure l'iniziativa di Maroni è stata accolta positivamente dal presidente dell'istituto islamico milanese di viale Jenner, Abdel Hamid Shaari. "È giusta - ha commentato - il ministro ha il diritto di chiedere il rispetto dei luoghi di culto e noi lo abbiamo preceduto. È una decisione che, da parte nostra, abbiamo già preso. Abbiamo già detto alla Curia che non succederà più".
Qualche giorno dopo la manifestazione del 3 gennaio, infatti, Shaari e il presidente della Casa della Cultura islamica di Viale Padova, Asfa Mahmoud, sono andati in arcivescovado per scusarsi. Lezioni.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20