Bom dia Belem!

27 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

"Um outro mundo è possivel" è espressione che non necessita di traduzione.
È bandiera di un movimento variopinto che ha deciso di smettere di camminare retrovolto per guardare al futuro da costruire insieme.
È alternativa a quelli di Davos che in questi giorni dovrebbero vestire di sacco, coprirsi il capo di cenere e pentirsi davanti al mondo e a Dio delle politiche scellerate di mercato. Quanti morti per fame, quanti uccisi dalle politiche di arraffamento teorizzate dagli oxofordiani, chicaghiani e bocconiani rampanti secondo i quali i benefici del mercato si estendono automaticamente a tutti gli abitanti del pianeta.
Da Porto Alegre in poi l'alternativa al modello di Davos è stata costruita e sviluppata in mille rivoli che si chiamano cooperazione, mercato equo, diritti dei lavoratori e delle lavoratrici di tutto il mondo, disinnesco del sistema di guerra, lotta alla corruzione e all'illegalità.
Sta sotto gli occhi di tutti il fallimento dei rampanti e le speranze che – al contrario – aprivano queste riflessioni, proposte e pratiche.
Da oggi qui a Belem do Parà, in una regione povera dell'Amazzonia brasiliana, saremo in tanti ad accogliere nuove sfide e a rilanciare una nuova idea di convivenza tra le genti della terra.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25