Bom dia Belem!

27 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

"Um outro mundo è possivel" è espressione che non necessita di traduzione.
È bandiera di un movimento variopinto che ha deciso di smettere di camminare retrovolto per guardare al futuro da costruire insieme.
È alternativa a quelli di Davos che in questi giorni dovrebbero vestire di sacco, coprirsi il capo di cenere e pentirsi davanti al mondo e a Dio delle politiche scellerate di mercato. Quanti morti per fame, quanti uccisi dalle politiche di arraffamento teorizzate dagli oxofordiani, chicaghiani e bocconiani rampanti secondo i quali i benefici del mercato si estendono automaticamente a tutti gli abitanti del pianeta.
Da Porto Alegre in poi l'alternativa al modello di Davos è stata costruita e sviluppata in mille rivoli che si chiamano cooperazione, mercato equo, diritti dei lavoratori e delle lavoratrici di tutto il mondo, disinnesco del sistema di guerra, lotta alla corruzione e all'illegalità.
Sta sotto gli occhi di tutti il fallimento dei rampanti e le speranze che – al contrario – aprivano queste riflessioni, proposte e pratiche.
Da oggi qui a Belem do Parà, in una regione povera dell'Amazzonia brasiliana, saremo in tanti ad accogliere nuove sfide e a rilanciare una nuova idea di convivenza tra le genti della terra.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20