Una caminada a passo di Samba

28 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

La marcia di apertura (caminada) che dal porto di Belem è giunta fino alla Praca di Sao Bras ha avuto innanzitutto tutti i caratteri della festa. Una caminada a passo di Samba. E non poteva essere diversamente in questo Paese grande quanto un continente che la Samba della vita se la porta nel sangue. D'altra parte i partecipanti sono tantissimi al punto che non ci si azzarda a fare un calcolo, ma è pur vero che la stragrande maggioranza sono brasiliane e brasiliani arrivati da ogni Stato della federazione. Ci sono espressioni le più diverse e ciascuna con la propria rivendicazione e la propria piattaforma politica ambientalista, sindacale, dei diritti umani, della fine dei conflitti…
Si distinguono due presenze. I palestinesi che sempre hanno garantito la propria presenza ma che quest'anno sono circondati dalla solidarietà di tutti e i popoli indigeni.
Colorati e visibili i popoli di questa foresta amazzonica ma anche peruviani, guatemaltechi, argentini… "Peblo Quechua" – grida una voce. La risposta: "Presente". "Pueblo Mapuche", "Presente".

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24