Una caminada a passo di Samba

28 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

La marcia di apertura (caminada) che dal porto di Belem è giunta fino alla Praca di Sao Bras ha avuto innanzitutto tutti i caratteri della festa. Una caminada a passo di Samba. E non poteva essere diversamente in questo Paese grande quanto un continente che la Samba della vita se la porta nel sangue. D'altra parte i partecipanti sono tantissimi al punto che non ci si azzarda a fare un calcolo, ma è pur vero che la stragrande maggioranza sono brasiliane e brasiliani arrivati da ogni Stato della federazione. Ci sono espressioni le più diverse e ciascuna con la propria rivendicazione e la propria piattaforma politica ambientalista, sindacale, dei diritti umani, della fine dei conflitti…
Si distinguono due presenze. I palestinesi che sempre hanno garantito la propria presenza ma che quest'anno sono circondati dalla solidarietà di tutti e i popoli indigeni.
Colorati e visibili i popoli di questa foresta amazzonica ma anche peruviani, guatemaltechi, argentini… "Peblo Quechua" – grida una voce. La risposta: "Presente". "Pueblo Mapuche", "Presente".

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36