Fieri di essere indigeni

29 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

Ci sono molto meno bandiere di partito e meno slogan ideologici in questa edizione del Forum Sociale Mondiale di Belem e molta più attenzione a questioni mirate e concrete. Le assemblee panamazzoniche di ieri ne sono stata una prova evidente. Troppo spesso abbiamo parlato della foresta amazzonica come "polmone del mondo" dimenticando che quell'area immensa e incantevole è anche la casa di popolazioni intere che hanno subito le scelte di governi che non hanno contribuito a eleggere, di economie che non si sono mai sognati di sposare e di forme sociali che non appartenevano alla propria cultura.
I popoli indigeni sono tra coloro che hanno pagato il prezzo più alto delle privatizzazioni e del cambiamento climatico, della negazione delle biodiversità e della deforestazione. Ai centomila del Forum (tanti sono gli iscritti) ieri hanno parlato un linguaggio antico e nuovo con cui comunicare tutto questo. Non solo le parole ma la musica e la danza, il rito e l'invocazione, la fierezza di essere indigeni.
Forse il futuro del mondo è in queste radici.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24