Fieri di essere indigeni

29 gennaio 2009 - Tonio Dell'Olio

Ci sono molto meno bandiere di partito e meno slogan ideologici in questa edizione del Forum Sociale Mondiale di Belem e molta più attenzione a questioni mirate e concrete. Le assemblee panamazzoniche di ieri ne sono stata una prova evidente. Troppo spesso abbiamo parlato della foresta amazzonica come "polmone del mondo" dimenticando che quell'area immensa e incantevole è anche la casa di popolazioni intere che hanno subito le scelte di governi che non hanno contribuito a eleggere, di economie che non si sono mai sognati di sposare e di forme sociali che non appartenevano alla propria cultura.
I popoli indigeni sono tra coloro che hanno pagato il prezzo più alto delle privatizzazioni e del cambiamento climatico, della negazione delle biodiversità e della deforestazione. Ai centomila del Forum (tanti sono gli iscritti) ieri hanno parlato un linguaggio antico e nuovo con cui comunicare tutto questo. Non solo le parole ma la musica e la danza, il rito e l'invocazione, la fierezza di essere indigeni.
Forse il futuro del mondo è in queste radici.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36