L'antimafia sociale a Belem

2 febbraio 2009 - Tonio Dell'Olio

Del fondamentalismo del mercato, le mafie seguono ogni principio. Se ne nutrono e, nello stesso tempo, lo nutrono. La criminalità organizzata non è un'escrescenza del capitalismo ma una sua espressione. Per certi versi ne costituisce addirittura l'anima sporca, ma pur sempre l'anima. L'arricchimento è posto al centro e al di sopra della vita umana tanto nella logica mafiosa quanto in quella del mercato e schiaccia ogni altro valore etico. Per queste ragioni il Forum Sociale Mondiale che nasce dalla contestazione all'economia che non riconosce i volti se non quelli stampati sulle banconote, non può fare a meno di dibattere, riflettere e approfondire anche le questioni relative alla legalità democratica.
D'altra parte c'è una tendenza a non conoscere o a sottovalutare la mole di denaro che le mafie in tutto il mondo muovono quotidianamente e le commistioni tra poteri legali e illegali, le zone grigie… Se solo ce ne rendessimo conto, questi temi non sarebbero confinati in un seminario proposto da Libera e dai colombiani di "Viva la ciudadania" ma starebbero al cuore del Forum. Qualunque argomento affrontato a Belem ha a che fare con la criminalità organizzata e ne subisce pesanti conseguenze: l'ambiente e la deforestazione, l'acqua e i conflitti armati, lo stato sociale e l'economia di giustizia…
Ieri ne abbiamo parlato in un circolo ristretto ma vorremmo contaminare tutte e tutti con questa nuova consapevolezza.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20