Giustizia climatica

3 febbraio 2009 - Tonio Dell'Olio

Chi ha vissuto le intense giornate del Forum Sociale di Belém partecipando a seminari e gruppi di lavoro, eventi e assemblee… ha compreso che i focus centrali e innovativi sono stati le riflessioni sulla "giustizia climatica" e la questione dei popoli indigeni. I cambiamenti climatici e l'impatto ambientale provocato dal modello di sviluppo industriale viene pagato a prezzi da usura proprio dai popoli che non hanno nemmeno potuto godere i vantaggi del progresso industriale. L'inquinamento e lo sconvolgimento ambientale non solo non riconoscono i confini degli stati ma spesso si abbattono proprio sui Paesi più poveri come è avvenuto spesso per lo smaltimento di scorie e rifiuti pericolosi o tossici. Di fronte a questa evidentissima ingiustizia c'è chi rivendica forme di risarcimento, chi chiede di porre rimedio con progetti di aiuto allo sviluppo pulito, ovvero umano.
Intanto la situazione non sembra mutata rispetto a quella che i grandi della terra avevano dichiarato ufficialmente nel documento finale del G8 di Genova (2001!): "Concordiamo con fermezza sulla necessità di ridurre le emissioni di gas serra. Mentre al momento non siamo d'accordo sul Protocollo di Kyoto e sulla sua ratifica, siamo decisi a lavorare insieme intensamente per raggiungere il nostro obiettivo comune".
Sfido chiunque a essere più evasivi.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25