Le campagne di Morales

5 febbraio 2009 - Tonio Dell'Olio

Gli interventi dei cinque presidenti che hanno preso parte al Forum Sociale Mondiale sarebbero tutti degni di riflessione. Tra questi, Evo Morale, presidente della Bolivia, ha suggerito quattro campagne mondiali che rappresentano altrettanti punti nodali per la vita del pianeta. Consapevoli che Il Forum dei movimenti sociali debba mantenere la propria autonomia e che le proposte di Morales non sono particolarmente originali, bisogna ammettere che esse rappresentano un'ottima sintesi di agenda.
La prima campagna è per l'abolizione del diritto di veto da parte di cinque nazioni in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
"È necessario farla finita – ha detto il presidente boliviano – con la monarchia nelle Nazioni Unite; non è possibile che un solo Paese detenga più potere di 190".
La seconda proposta per un nuovo ordine economico internazionale che richiede una profonda riforma delle istituzioni finanziarie e commerciali.
La terza per salvare la Pachamama, la Madre Terra, dando una centralità maggiore alla questione ambientale.
Infine una politica che garantisca e rispetti la dignità e diversità dei popoli.
Mi chiedo quali forze politiche rappresentate nelle istituzioni nostrane abbia un programma analogo e mi sento profondamente e amaramente orfano.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25