Mama Africa

6 febbraio 2009 - Tonio Dell'Olio

C'è una persona a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, che vale la pena conoscere.
Ha 85 anni e si chiama Norina Ventre. Ma se andate in città e la cercate con quel nome nessuno è in grado di indicarvela. Solo se chiedete di Mama Africa vi dicono chi è e dove abita. È una signora che da anni e pazientemente almeno ogni domenica prepara da mangiare per il popolo degli stranieri.
La situazione degli immigrati africani tra Rosarno, San Ferdinando e Rizziconi nella Piana di Gioia Tauro è davvero preoccupante. A centinaia vivono nella vecchia fabbrica della Rognetta, la Fabrica Ancienne come la chiamano loro. Almeno 400 stanno nella ex cartiera "Modul System Sud" e qui il 12 dicembre scorso si è consumato anche un attentato che ha causato il ferimento di due ghanesi. Sono qui per la raccolta delle arance. Come facciano, con quel che guadagnano a mandare anche dei soldi alle loro famiglie nessuno lo sa. E quest'anno non tutti gli agricoltori hanno raccolto le proprie arance per via del prezzo troppo basso del mercato. Non ne valeva la pena!
A Natale, don Pino Varra, parroco a Rosarno, ha fatto discutere perché ha inserito nel presepe della chiesa un Gesù bambino nero. Chissà che crescendo non faccia il miracolo della solidarietà e converta anche il cuore dei nostri legislatori.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25