Succede anche questo

5 marzo 2009 - Don Renato Sacco

Il sindaco di Novara Massimo Giordano (Lega) e i deputati novaresi Roberto Cota (Lega) e Gaetano Nastri (Pdl), attaccano duramente il direttore della Caritas Diocesana don Dino Campiotti, in merito all’assistenza umanitaria fornita agli stranieri senza permesso di soggiorno. “In nome della solidarietà - affermano - viene creata una rete di sostegno per clandestini aumentando l’illusione che in questo paese si possa arrivare sempre e comunque”. E aggiungono: ”Qui la carità non c’entra niente. Pensiamo ai nostri giovani e ai nostri anziani in difficoltà”. E ancora: “La solidarietà - specie se utilizza fondi pubblici - non può prescindere dal rispetto della legalità”. Molti gli interventi di solidarietà alla Caritas da parte di associazioni, dei vicari territoriali a nome dei parroci e della stessa Curia diocesana. Nella lettera firmata da diverse associazioni, centri d’ascolto e altri si legge: “.. queste critiche alla Caritas ci lasciano sbigottiti, tanto più che provengono da persone che amano richiamarsi all’identità cristiana della Nazione italiana.”
E il comunicata della Curia ricorda che: “con la vigente legislazione, la semplice perdita del lavoro può far scivolare uno straniero regolare nella condizione di ‘clandestinità’ ”. E i parroci aggiungono: “che una borsa della spessa favorisca la clandestinità ci sembra una cosa risibile. Tutti sanno che con la borsa della spesa data dalla Caritas non si campa a lungo. E allora ci viene in mente una domanda: e se le motivazioni della clandestinità fossero altre, compreso il fatto che in Italia è difficile avere o anche solo rinnovare un permesso di soggiorno rispetto ad altri paesi europei? Forse varrebbe la pena porsi la questione. Quanto poi all’invito – giunto da uno dei parlamentari in questione – a pensare a quei cittadini che vivono con 400-500 euro al mese, ci chiediamo perché mai non se ne occupino coloro che ne hanno la responsabilità”.
Questo accade. Ed è giusto che si sappia, anche fuori Novara, perchè questo è il presente in alcuni luoghi… e il futuro che ci aspetta forse in tutta Italia se non vinciamo la tentazione della rassegnazione. Del dire.. ‘ma guarda, succede anche questo’ e darlo ormai come cosa scontata. Così il più forte vince... sempre. Mai come in questi casi è letale il proverbio: “Un bel tacer non fu mai scritto!”

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31