Muhanga

12 marzo 2009 - Tonio Dell’Olio

Tra le guerre dimenticate (o nascoste) sicuramente quella che si combatte in Congo è la più scandalosa, se non altro per il numero spropositato di vittime. Personalmente ho imparato a guardare a questo conflitto attraverso gli occhi di una comunità conosciuta e visitata nel lontano 1993 e che oggi finalmente è possibile incontrare anche su internet su un blog all’indirizzo:
http://waibraimumuhanga.wordpress.com/.
Interessante perché in quelle pagine non trovi analisi articolate e profonde ma la quotidianità faticosissima di una comunità nel mezzo di una guerra. Si leggono cose del tipo: “Per giorni e giorni abbiam bussate a tutte le porte: HCR, OCHA, UNICEF, CICR…, che van sù e giù per le nostre strade in lussuose macchine, pitturate di orgogliosi logo. Ci siamo scontrati con una montagna di burocrazia, e non abbiam ottenuto neppure un cucchiaino di sale… Amarezza e anche un po’ di rabbia! Perché “gli aiuti” li vediamo, persino in vendita nei magazzini di Butembo. Finalmente OLK, organismo diretto dalla moglie del presidente, ci sente! non vedono l’ora di venire a Muhanga, con 6 tonnellate di cibo; ma dobbiamo affittare noi un camion”.
Si parla di acqua, di dispensario, di strade da riparare… di disperazione e di speranza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36