CONFINI

Stato di polizia

Lampedusa è diventata terra d’eccezione, confine tra emergenze umanitarie e componenti fobiche e securitarie che lo straniero fa insorgere.
Monica Massari (sociologa, lavora presso l’università “L’Orientale” di Napoli e l’università della Calabria)

Il 13 febbraio 2009 Giuseppe, un giovane pescatore di Lampedusa, stava passeggiando per il corso principale dell’isola, chiacchierando tranquillamente al telefono con la madre. All’improvviso si è trovato a terra, immobilizzato da due agenti di polizia e picchiato con il manganello da uno di questi, tanto da dover ricorrere alle cure del piccolo ospedale isolano prima e, dopo alcune ore, di quello palermitano. Risultato? Una spalla lussata a causa delle percosse subite, i soldi per il biglietto aereo per Palermo pagato a sue spese, una denuncia presentata ai carabinieri dell’isola subito dopo l’incidente e tante scuse da parte dei poliziotti-aggressori.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25