CONFINI

Stato di polizia

Lampedusa è diventata terra d’eccezione, confine tra emergenze umanitarie e componenti fobiche e securitarie che lo straniero fa insorgere.
Monica Massari (sociologa, lavora presso l’università “L’Orientale” di Napoli e l’università della Calabria)

Il 13 febbraio 2009 Giuseppe, un giovane pescatore di Lampedusa, stava passeggiando per il corso principale dell’isola, chiacchierando tranquillamente al telefono con la madre. All’improvviso si è trovato a terra, immobilizzato da due agenti di polizia e picchiato con il manganello da uno di questi, tanto da dover ricorrere alle cure del piccolo ospedale isolano prima e, dopo alcune ore, di quello palermitano. Risultato? Una spalla lussata a causa delle percosse subite, i soldi per il biglietto aereo per Palermo pagato a sue spese, una denuncia presentata ai carabinieri dell’isola subito dopo l’incidente e tante scuse da parte dei poliziotti-aggressori.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36