ANTIMAFIE

Gli africani di Calabria

Le mille verità di Rosarno: la fabbrica di clandestini e la speranza di Mama Africa.
Tiziana Barillà (Libera - Associazioni nomi e numeri contro le mafie)

Era l’inverno del 2005 quando, grazie a tre giovani rosarnesi, scoprivo che a circa 60 Km da casa mia c’era un inferno fatto di rifiuti e fumi, sfruttamento e violenza. “Vivono come gli animali – ci dissero – e in più i passanti li prendono a pietrate”. Questo pezzo di Calabria era, ed è ancora oggi, abitato da lavoratori africani, perlopiù dell’Africa Subsahariana; andammo a conoscerli.
Sulla strada nazionale che attraversa Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando fu subito possibile incontrarli, incolonnati sul bordo della strada, di ritorno dalle campagne. Erano diretti perlopiù alla Cartiera, o meglio come la chiamano i ragazzi africani alla Fabbrica. Scoprimmo che quel capannone fantasma, uno dei tanti da queste parti soprattutto dopo la 488, all’inizio degli anni Novanta venne costruito con fondi pubblici per ospitare la “Modul System Sud”, uno stabilimento che avrebbe dovuto produrre moduli per computer e telescriventi, divenuto oggi un rifugio per parte di questi immigrati.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

11 febbraio 1929
FEBBRAIO 2019

11 febbraio 1929

Riuscirà pian piano (o più rapidamente...)
la nostra Chiesa a essere, come le altre,
chiesa libera tra chiese libere?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.16