PAROLA A RISCHIO

Buoni e cattivi

Giocare al capoclasse di turno è di grande attualità e, nell’apporre quell’affascinante linea di demarcazione, si ripropone quotidianamente la vecchia ripartizione di ruoli tra Caino e Abele.
Lidia Maggi e Angelo Reginato

Ripartiamo dall’attenzione posta sulle parole più comuni, quelle che abitano il nostro quotidiano, ma che domandano un diverso sguardo, simile a quello del poeta, del profeta. In fondo, le Scritture ebraico-cristiane mirano proprio a questo. Hanno la pretesa di accendere uno sguardo diverso sul mondo, di suscitare esseri umani dall’occhio penetrante. Che non ritengono di saper già vedere (una pretesa che rende ciechi: Gv 9, 39-41) ma sentono il bisogno di “comprare collirio per curare gli occhi e vederci” (Ap 3,18).
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26