Per la Terra Santa

6 aprile 2009 - Tonio Dell’Olio

La comunione nella comunità cristiana non può essere scambiata con la disciplina e l’obbedienza. Semmai la comunione è il passaggio della linfa nuova dello Spirito, del dialogo, della fraternità, dell’unità… Per queste ragioni bisognerebbe lasciar crescere la comunicazione e il confronto tra le diverse componenti (ministeri, servizi) delle chiese per sollecitarci vicendevolmente al bene. In questo spirito alcuni cristiani hanno pensato di inviare una lettera a Benedetto XVI in preparazione della sua visita in Israele-Palestina.
“Vogliamo esprimerLe la nostra preoccupazione – si legge nella lettera - per il grado di prostrazione, umiliazione e oppressione che i cristiani, in quanto palestinesi, vivono da decenni soprattutto nei Territori occupati”. I promotori dell’iniziativa sono persone che in questi anni hanno percorso frequentemente le strade delle cittadine palestinesi, hanno tessuto relazioni con tante persone che cercano e costruiscono la pace in quei luoghi. Hanno dato vita alla campagna “Ponti e non muri” e pertanto rivolgendosi al Papa scrivono: “Lei ben conosce le conseguenze del muro di apartheid che è stato costruito per più di settecento chilometri, non sul confine della Linea Verde del 1967, ma in gran parte dentro i Territori Palestinesi per rubare terre, sorgenti d’acqua e risorse”.

Per leggere e firmare l’appello:
http://www.firmiamo.it/nondimentichiletterabenedettoxvi

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36