USA

Oltre il programma elettorale

Obama e la difficile eredità americana. L’impero Usa tra difficoltà, conflitti, crisi economica, partneriati e dialoghi nuovi.
Giancarla Codrignani

Obama ha insegnato che, con due anni di lavoro di base prevalentemente volontario e i dollari arrivati con i telefonini, si può cambiare l’America. E ha insegnato come si vincono i Bush. Con un programma, ovvio. Quelli elettorali, però, vengono letti con le lenti dell’emozione; poi, le realizzazioni.... possono deludere. Dietro la bella fronte del presidente e l’ottimismo del We can, i pensieri erano già pesanti nel 2008, mentre molti contavano sulla buona fata della bacchetta magica. Purtroppo il populismo ha assunto dimensione globale e sta lesionando le democrazie. Per questo gli esperti, che sanno quanto sia diventata complessa la situazione a partire dall’economia, incominciano a segnalare – più negli Stati Uniti che in Europa – note di pessimismo sull’effettività di “quel” programma.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26