Terra in bocca

28 maggio 2009 - Tonio Dell’Olio

Nei giorni scorsi a Milano è stato presentato un libro e un cd musicale che è il frutto del coraggio e dell’intelligenza di Brunetto Salvarani e di Odoardo Semellini, nonché della casa editrice Il Margine. Si sono ricordati di un disco di un noto gruppo (“complesso” come si diceva allora) uscito nel 1971, trasmesso una sola volta per radio e poi censurato. Il gruppo era quello dei Giganti e l’album Terra in bocca.
In quel disco si raccontava una vicenda di mafia e si denunciava una presenza pesante che troppo spesso riceveva coperture, appoggi, silenzi... Nella prefazione, don Luigi Ciotti sottolinea come siamo di fronte a: "... un esempio di come la musica possa mettersi al servizio della verità e denunciare l'ingiustizia raccontando al grande pubblico, con realismo e intensità, una storia di mafia”. La storia tenera e crudele intrisa di amore e di morte è di grande attualità. Purtroppo. Per questo ci arriva da un recente passato per contribuire a fare luce su questo contraddittorio presente. “Grazie ai Giganti – conclude Ciotti - che, già trent'anni fa, nonostante il boicottaggio del disco e l'apparente sconfitta, alla mafia gliele hanno davvero cantate”.

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32