La svolta di Obama

5 giugno 2009 - Tonio Dell’Olio

È stato detto, ma è necessario ripeterlo: il discorso di Barak Obama al Cairo, ieri, ha segnato una svolta non solo nella politica americana, ma anche in quello che era stato definito scontro di civiltà, nel confronto con i totalitarismi, verso la gente di Palestina...
Forse l’espressione che dà il senso di tutto il discorso è la frase in cui afferma: “Invece di rimanere intrappolati nel passato, il mio paese è pronto ad andare avanti”. Si tratta di qualcosa di più che una semplice apertura al mondo islamico. È la consapevolezza che si riesce a incidere nei destini del mondo più con l’apertura di spazi di fiducia e di amicizia che con la minaccia di ritorsioni di fuoco e con le esportazioni della propria democrazia. L’intervento di Obama fa più paura a Bin Laden di tutti i bombardamenti e le occupazioni di Bush e compagnia!
"Sono qui per cercare un nuovo inizio fra gli Stati Uniti e i musulmani nel mondo - ha detto il presidente - basato sul mutuo interesse e sul mutuo rispetto. E sulla verità: America e Islam non devono essere in competizione. Invece, si sovrappongono e condividono principi comuni, di giustizia e progresso, di tolleranza e dignità di tutti gli esseri umani”.
E pensare che, solo poco tempo fa, se qualcuno avesse detto le stesse cose, sarebbe stato tacciato d’essere un visionario e un utopista. Solennemente oggi, quelle parole le pronuncia il Presidente degli Stati Uniti d’America.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36