PAROLA A RISCHIO

Nostalgie d’infanzia

I linguaggi schietti dei bambini vanni riscoperti come nota d’indignazione necessaria al tempo d’oggi.
Lidia Maggi e Angelo Reginato

Quando un bimbo non vuole mangiare un cibo, dice: “Che schifo”! E il genitore, di solito, si affretta a correggerlo: “Non si dice: ‘che schifo’; si dice: ‘non mi piace’”. Nel mondo semplificato dell’infanzia i giudizi sono categorici: una cosa o è buona o fa schifo. Crescendo, ci si accorge delle sfumature, dei distinguo; si apprende a specificare, a non generalizzare. Si apprende che le parole hanno una risonanza affettiva: possono ferire, intristire. Lo sguardo della mamma, che ha cucinato con amore per la sua creatura e che si sente dire: “che schifo”, è fin da subito eloquente. E così i cuccioli umani imparano presto il politically correct!
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36