PAROLA A RISCHIO

Nostalgie d’infanzia

I linguaggi schietti dei bambini vanni riscoperti come nota d’indignazione necessaria al tempo d’oggi.
Lidia Maggi e Angelo Reginato

Quando un bimbo non vuole mangiare un cibo, dice: “Che schifo”! E il genitore, di solito, si affretta a correggerlo: “Non si dice: ‘che schifo’; si dice: ‘non mi piace’”. Nel mondo semplificato dell’infanzia i giudizi sono categorici: una cosa o è buona o fa schifo. Crescendo, ci si accorge delle sfumature, dei distinguo; si apprende a specificare, a non generalizzare. Si apprende che le parole hanno una risonanza affettiva: possono ferire, intristire. Lo sguardo della mamma, che ha cucinato con amore per la sua creatura e che si sente dire: “che schifo”, è fin da subito eloquente. E così i cuccioli umani imparano presto il politically correct!
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26