CHIESA

L’unica grande famiglia di Dio

Dalla visita di Benedetto XVI in Palestina-Israele un impegno universale per la giustizia e la pace.
Sergio Paronetto (Vicepresidente Pax Christi)

L’inedito può fiorire. I muri possono cadere. Nella riflessione del papa, svolta nel maggio 2009 durante il suo viaggio in Giordania-Palestina-Israele, incontro sia l’argomentazione interreligiosa proposta nel viaggio in Turchia con lo splendido “appello di Efeso” (29 novembre 2006), sia il saluto rivolto ai rappresentanti della comunità musulmana di Yaoundè in Camerun(19 marzo 2009), dove veniva proposta “una entusiastica cooperazione” tra credenti per la pace e la giustizia. Il famoso discorso di Obama al Cairo del 4 giugno 2009, che si conclude con la beatitudine evangelica dei costruttori di pace, si colloca in questa scia luminosa.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20