Il digiuno di don Albino

1 settembre 2009 - Tonio Dell’Olio

Oggi 1 settembre don Albino Bizzotto è al 14mo giorno di digiuno nella roulotte parcheggiata nei pressi della base americana Dal Molin di Vicenza per protestare e rompere il silenzio sulla decisione di offrire quell’area per la costruzione di una nuova e più grande base aerea USA.
Il digiuno è gesto nonviolento che arriva ad offrire il proprio corpo come segno.
Il digiuno perché sulla posta in palio della pace vi sia attenzione da parte di tutte le persone, cittadini e cittadine, che si sentono corresponsabili delle scelte e del destino del proprio Paese e del mondo intero. Grazie don Albino perché con un segno di debolezza rompi il silenzio di chi ha forza di parola e di potere.
Con don Tonino Bello ripeteremo che “Di fronte a chi ostenta i segni del potere, dobbiamo porre il potere dei segni”. Che nessuno stia solo a guardare! Ci riguarda tutti quel segno minaccioso nel Mediterraneo di una base aerea capace di scoccare frecce di morte contro tutti i paesi di un mare amico. Ci riguarda tutti questo tuo digiuno capace di ritornare a dire la vita e la pace per vincere il torpore colpevole di molti.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.34