Le Maldive

27 luglio 2009 - Tonio Dell’Olio

Le Maldive evocano immediatamente ed inevitabilmente vacanze da sogno, acque cristalline e spiagge dorate. Non essendoci mai stato ho provato ad utilizzare gli stereotipi delle migliori vacanze balneari. Pochi sanno invece che ad ispirare la legislazione di quest’isola ci sono principi e norme degradanti e inumane.
Amnesty International ci fa sapere che ci sono almeno 180 persone che rischiano di essere frustrate per aver avuto relazioni extramatrimoniali. Il 5 luglio scorso una ragazza di 18 anni è stata fustigata in pubblico con 100 frustrate. La condanna era stata differita perché la ragazza era incinta ma – facile da immaginarsi – i due uomini coimputati sono stati assolti.
La fustigazione è vietata dal diritto internazionale perché considerata una pratica “crudele, inumana e degradante (...) che provoca conseguenze fisiche e psicologiche per anni”.
Il governo delle Maldive è obbligato ad abolire la fustigazione ai sensi delle norme di diritto internazionale che ha firmato, come la Convenzione contro la tortura e il suo Protocollo aggiuntivo. Pertanto, andate pure in vacanza alle Maldive ma aprite gli occhi e soprattutto alzate la voce per protestare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36