I clienti

31 luglio 2009 - Tonio Dell’Olio

A tal punto è ridotta ad oggetto la vittima della prostituzione e a mercato il suo corpo che i frequentatori di prostitute vengono comunemente definiti “clienti”.
Quando si parla di prostituzione raramente leggiamo o ascoltiamo una riflessione scrupolosa sugli uomini che comprano le prestazioni delle donne che vengono prostituite. Un uomo infelice quello che ha bisogno di pagare per poter illudersi di vivere una sua sessualità! Qualcuno sta provando a riflettere su bisogni, educazione, coscienza di genere, psicologia, cultura, contesti...
Da anni un’associazione che si chiama Maschile Plurale (www.maschileplurale.it) prova a leggere il genere maschile in tutte le sue pieghe. All’interno di tale processo di riflessione è nato anche un progetto che si chiama La ragazza di Benin City.
Il progetto mette insieme e a confronto uomini che sono stati clienti e ragazze immigrate costrette a prostituirsi. Dominio, oppressione, sfruttamento, vergogna... sono solo alcuni dei termini ricorrenti in questo tentativo di superamento della cultura patriarcale. Se la prostituzione segue la logica e le leggi del mercato, dobbiamo guardare tanto all’offerta quanto alla domanda.
E la prostituzione non esisterebbe se non ci fossero uomini disposti a pagare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36