Christian Poveda

4 settembre 2009 - Tonio Dell’Olio

Aveva 54 anni Christian Poveda e tanta voglia di raccontare i fatti attraverso i suoi scatti fotografici e i film-documentari che nessun altro aveva il coraggio di girare. Un colpo di pistola alla testa in una strada secondaria di una piccola cittadina di El Salvador. Alla testa, quasi a punire la sua intelligenza, la genialità di alcune riprese che raccontavano la vita di strada di tanti ragazzi di El Salvador che per pochi dollari e senza altre prospettive vengono reclutati dalle gang locali.
Le Maras sono le organizzazioni criminali che dirigono e organizzano il traffico di droga e le estorsioni. Si dice che nel solo piccolo El Salvador vi siano 30 mila affiliati. “La vida loca” è il documentario realizzato da Poveda che sarebbe stato presentato in Francia alla fine di questo mese e costituisce una rappresentazione significativa per capire la vita dei “mareros”, i loro codici, le motivazioni della scelta di vivere senza rispettare la legge. Vite di second’ordine, che valgono poco, pietre di scarto.
Chistian Poveda aveva lavorato per importanti testate giornalistiche e aveva raccontato per immagini tanti conflitti (Iran, Iraq, Libano...) ma è stato fermato da questa guerra che sono in pochi a conosce e ancora meno a raccontare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36