Le baracche degli altri

17 settembre 2009 - Tonio Dell’Olio

Facciamo bene a vigilare sulla consegna delle case alle famiglie colpite dal terremoto dello scorso aprile e ad essere soddisfatti quando questo avviene. Potremmo partire però dal disagio che colpisce così vicino a noi per comprendere la condizione delle persone che vivono permanentemente la precarietà di un'abitazione non degna di garantire protezione, salute, spazi sufficienti. Penso alle immense baraccopoli delle periferie delle grandi città del sud del mondo. Da Nairobi giunge però una buona notizia. Ieri è cominciato il trasferimento delle prime famiglie che abitano l'immensa baraccopoli di Kibera verso le prime case popolari del quartiere di Soweto. Stiamo parlando di circa un milione di abitanti che nell'arco di cinque anni un progetto dell’ONU e del governo del Kenya dovrebbe riuscire a trasferire in case degne di questo nome. L'unico problema è il riconoscimento della proprietà della terra delle persone che abitano attualmente le baracche e le tende di Kibera che vengono distrutte man mano che gli abitanti si trasferiscono. Insieme al trasferimento, ieri sono cominciate anche le proteste. Intanto il progetto c'è e la costruzione di case popolari più dignitose delle baracche procede.

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32