PRIMO PIANO LIBRI

La guerra, a parole loro

A colloquio con Francesco Mazzucchelli, autore del libro ”Come si racconta una guerra. Analisi semiotica dei discorsi di George W. Bush durante la guerra in Iraq”.
Intervista a cura di Fabio Dell’Olio

“Ai giorni nostri, i discorsi politici servono in gran parte alla difesa dell’indifendibile”, scriveva George Orwell nel 1946. Nel suo più grande romanzo, 1984, aveva coniato il termine “doublespeack” (linguaggio doppio), per descrivere un pensiero contraddittorio, mediante cui descrivere un significato opposto a ciò che si pensa. Nel corso della storia c’è una lunga lista di potenti che si sono serviti del “doublespeack” per giustificare la morte e la distruzione. In questa intervista, Francesco Mazzucchelli, dottore in Semiotica presso la Scuola superiore di studi umanistici di Bologna, ci spiega quanto sia ancora attuale la provocazione orwelliana ai tempi della guerra al terrorismo globale.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Il bacio di papa Francesco ai piedi
dei leader del Sud Sudan in guerra
è un’invocazione di pace,
un appello profondo e accorato alla riconciliazione.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20