PAROLA A RISCHIO

Elogio della pazzia

Dalla banalità della parola alla parola che sa osare.
Sulla strada di quello che può essere giudicato follia.
Lidia Maggi e Angelo Reginato

Il pazzo grida per le strade: “Dio è morto!”
Di solito le parole religiose sono associate al buon senso. La critica folle viene dagli stolti, da coloro che affermano: “Non c’è più un Dio” (Salmo 14). In realtà, se si percorrono le vie tortuose delle Scritture, le si scoprono frequentate da folli, denigrati e derisi proprio a causa della Parola della fede.
È il caso serio di Geremia. La vocazione profetica lo afferra fin dalle viscere materne, mettendo in continuo pericolo la sua vita. Lo trascina in prigione, lo spinge al pubblico linciaggio, sull’orlo del precipizio.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25