Cerchiamo l’Europa da queste parti

14 ottobre 2009 - Tonio Dell'Olio

Ieri la riflessione proposta ai partecipanti a Time for responsabilities a Gerusalemme verteva sul ruolo dell’Europa nel processo di pace del conflitto israelopalestinese.
"Ogni anno la sola Unione Europea spende 500 milioni di euro in questa terra – ci ha detto il rappresentate dell’EU". Prevalentemente si tratta di cooperazione allo sviluppo e non mancano i finanziamenti a sostegno della costituzione e rafforzamento dell’amministrazione dei Territori occupati. Un miliardo delle vecchie lire che va in fumo quando bombardano e che soprattutto fa scadere la questione palestinese da problema politico a problema umanitario. Un miliardo che varrebbe la pena sostenere con un’attività diplomatica e politica più incisiva e determinata.
Al di là e al di qua del muro, da soli non ce la fanno a trovare il bandolo della pace! Dobbiamo cercarlo insieme e, in questo, l’Europa ha forza e capacità. Mettere al bando anche il solo sospetto di antisemitismo ma nello stesso tempo fare pressione sul più forte che da queste parti si chiama Israele che deve imparare a condannare ogni persecuzione e non soltanto quella che l’ha vista vittima. Ma l’Europa è latitante e procede come un ubriaco che attraversa un corteo che avanza nell’altra direzione. Non urta di volta in volta soltanto il Medio Oriente ma anche gli stessi Stati che la compongono.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20