CHIESA

Al servizio dello sviluppo

Dalla Populorum progressio alla Caritas in veritate: sviluppo e povertà nelle parole dei Papi.
Luigi Bettazzi (Vescovo emerito di Ivrea e presidente del Centro Studi economico-sociali per la pace)

È singolare – e significativa – la sorte dell’enciclica di Paolo VI “Populorum progressio”. Era stata suggerita dal fermento suscitato nel Concilio Vaticano II dal movimento per la “Chiesa dei poveri”, che forse preoccupava il Papa per le pressioni di chi poteva strumentalizzarla politicamente (si era nel fervore della “guerra fredda” tra est e ovest!). E allora, già durante il Concilio, fece raccogliere dal card. Lercaro spunti e suggerimenti di vescovi per compilare questa enciclica, che uscì nel 1967 e suscitò echi contrastanti, di chi la giudicava un’enciclica sovversiva (“comunista”, come si diceva allora, e se ne fece interprete lo stesso grande giornalista Indro Montanelli) e di chi, invece, la salutava come un nuovo inizio della Dottrina Sociale della Chiesa, dopo il grande inizio della “Rerum novarum” di Leone XIII nel 1891.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26