Regine fuori casa

L’esperienza della religione ebraica: dalla tradizione che relega la donna allo spazio domestico alle nuove letture della Bibbia.
Milka Ventura Avanzinelli

“Tutta la bellezza della figlia del re è nelle stanze interne” recita un adagio rabbinico che su questa lettura – non proprio fedele – del Salmo 45,14 costruisce una forte retorica sulla “interiorità” della donna e sulla sua gloria, dispiegata in tutta la sua grandezza entro le mura domestiche, nella cura dei corpi e dell’intimità. Eppure, senza nulla togliere al valore di questa concezione “alta” della donna e all’affettuosa attenzione che da sempre la tradizione ebraica dedica allo spazio domestico e al vivere quotidiano (uno spazio perfino più “sacro” di quello sinagogale), bisogna dire che la Bibbia ebraica presenta anche altre immagini femminili, altri modelli per le donne che non sono disposte a restare relegate nello spazio – augusto ma angusto – della casa.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36