La donna nel Corano

Excursus dell’immagine della donna e del suo ruolo pubblico nel libro sacro della religione islamica.
Shahrzad Houshmand Zadeh (Teologa iraniana)

Le parole al femminile nel Corano
a) le prime parole da ricordare sono: Rahman e Rahim. Il Dio del Corano è un dio unico, misericordioso, clemente, creatore, compassionevole, il primo e l’ultimo... Dice il Corano: “Chiamatelo Dio (Allah) o pienezza di amore (Rahman) con qualsiasi nome lo chiamate a lui appartengono i nomi più belli”. (Corano 17,110). Si dovrebbe correggere il luogo comune occidentale che pensa che il Dio dell’islam è Allah, poiché la parola al-ilah si traduce letteralmente il Dio. Ma l’attenzione si orienta verso la somma formula del Corano e del mondo islamico, cioè l’inizio di ogni capitolo del Corano ripetuto almeno 114 volte: bismillah Arrahman Arrahim. Tre nomi Allah, Rahman, Rahim; questi ultimi due dalla radice comune Rahmat = misericordia, compassione, amore. Una guida chiara e decisa al centro dell’essenza divina che è amore.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36