ECUMENISMO

Da Basilea in poi

Il cammino e il dialogo delle Chiese, dalla prima Assemblea ecumenica europea a oggi.
Luigi Sandri (Vaticanista, redattore della rivista Confronti)

Presi parte alla prima Assemblea ecumenica europea. Sapevo di assistere a un evento storico: quel convenire di cristiani delle varie Chiese europee, legati alle tre grandi famiglie cristiane del nostro continente – il cattolicesimo, l’ortodossia, la riforma – non aveva precedenti. Allora, non scordiamolo!, l’Europa era spaccata in due blocchi contrapposti, anche se, a Est, la presenza di Mikhail Gorbaciov alimentava molte speranze. Noi non sapevamo, nel maggio 1989, che nel novembre successivo sarebbe caduto il muro di Berlino. Vivevamo, dunque, in spem contra spem. E con la coraggiosa iniziativa di Basilea le Chiese – dopo aver dato, nella storia, molte amare contro-testimonianze di lotte intestine, chiusure grette e profezie vuote – una volta tanto offrivano un contributo importante per dimostrare che una Chiesa altra, e un’Europa altra, erano possibili.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26