CHIAVE D’ACCESSO

Hacker non è Cracker

Alessandro Marescotti

Prendete in mano un nuovo dizionario e cercate la parola hacker. Sul mio c’è scritto: “Hacker: dilettante appassionato di informatica, che usa la sua competenza soprattutto in modo improprio e illegale, introducendo anche virus capaci di danneggiare la memoria dei computer cui accede; in italiano: pirata informatico. Deriva da to hack (fendere, fare breccia). Parola nata nel 1989”. Poco sotto: “Hacking: pirateria, vandalismo nell’informatica”.
Queste definizioni sono tratte dal Dizionario DISC edito dalla Giunti e curato da Francesco Sabatini, Vittorio Coletti e Paolo D’Achille che ha curato i neologismi. Ma chi sono veramente gli hackers? Proviamo a leggere Manuel Castells, uno dei maggiori studiosi della società dell’informazione. Fa infatti parte dell’Advisory Board (Consiglio Consultivo) sulle tecnologie dell’informazione del Segretario generale delle Nazioni Unite e svolge la sua attività di insegnamento tra le università della California e di Barcellona.
Le informazioni che troverete qui di seguito sono tratte dal libro Galassia Internet, tradotto in italiano da Feltrinelli. Castells scrive: , e aggiunge che “la si può considerare il terreno fertile delle innovazioni tecnologiche più importanti realizzate attraverso la cooperazione e la libera comunica zione”. Poco dopo spiega: “Gli hackers non sono ciò che raccontano i media. Non sono esperti informatici irrequieti, ansiosi di crackare codici, penetrare illegalmente nei sistemi o portare caos nel traffico informatico. Quelli che si comportano così sono chiamati ‘crackers’ e di solito vengono respinti dalla cultura hacker” (p. 49).
Ma la differenza fra hackers e crackers sul mio dizionario non appare in quanto la parola cracker è così definita: “Sfoglia salata, dura e croccante di gusto simile al pane. Derivazione di to crack ‘rompere’; parola nata nel 1956”. Torniamo agli hackers. Manuel Castells cita Eric Raymond, uno dei principali esperti dell’universo hacker, che dice: “Esiste una comunità, una cultura condivisa, di programmatori esperti e maghi del networking che fa risalire la propria storia ai decenni passati, ai primi minicomputer time-sharing e ai primi esperimenti di ARPANET”. Raymond fa risalire la nascita del termine hacker agli esperimenti realizzati nel laboratorio di intelligenza artificiale del MIT.
Gli hackers realizzarono poi, afferma Castells, dei “network autorganizzati in grado di trascendere il controllo istituzionale”. Steve Levy parla degli hackers come soggetti capaci di cooperare attorno a progetti di “programmazione creativa”, si veda il suo libro Hackers: gli eroi della rivoluzione informatica (ShaKe, Milano 1996). Bill Gates, fondatore della Microsoft, ha bollato gli hackers come pirati e ciò che leggiamo sul dizionario DISC è esattamente ciò che il re del software avrebbe scritto. Ma il significato dei neologismi informatici non può coincidere con gli stereotipi graditi alla multinazionale Microsoft. Speriamo che un ottimo dizionario come il DISC rimedi nella prossima edizione.

Note

Peacelink

Ultimo numero

Quando le armi colpiscono le donne
OTTOBRE 2019

Quando le armi colpiscono le donne

In questo numero, il dossier è dedicato
al rapporto tra le mafie e la nonviolenza:
quali possibili risposte nonviolente
al potere criminale mafioso?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Peacelink
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.27