Con l’occhio del povero

Croce e fisarmonica, qui e altrove: la normalità di don Tonino era nell’essere-con.
I poveri innanzitutto.
Don Salvatore Leopizzi (Consigliere nazionale Pax Christi)

Don Tonino ci ha insegnato a guardare il mondo e la storia con gli occhi dei mistici, degli artisti, dei bambini. Spesso ci ripeteva che è necessario “mettersi in corpo l’occhio del povero”.
Così ha fatto lui e per questo è riuscito a mettere in luce e riconoscere la bellezza, l’unicità, la verità di ogni volto umano: il volto di ogni altro, un volto da contemplare, da accarezzare, da amare...
L’etica del volto di Levinas, l’etica della responsabilità e dell’in/nocenza che comporta la decisione di non nuocere, di non fare male ad alcuno, di essere nonviolento, di assumere il bisogno e il destino dell’altro.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36