IRAQ

Una nuova Pentecoste

Il nostro sguardo è ancora una volta sul Medioriente. Terra lacerata da sangue e da contraddizioni, in più parti. Terra che spera. Che ha voglia di rinascere.
Renato Sacco

“Speriamo in un futuro migliore. Certo, questo futuro non è una cosa magica, ma dobbiamo noi iracheni, con l’aiuto di tutti i nostri amici sparsi nel mondo, costruirlo piano piano. Ancora grazie per tutto, per la vicinanza, la solidarietà. Noi orientali siamo molto sentimentali, quando qualcuno ci visita.. è fatta! Ci da’ molto coraggio!”.
Erano le parole di saluto del vescovo di Kirkuk, Louis Sako, al termine dell’incontro con la delegazione internazionale di Pax Christi in Iraq, lo scorso mese di settembre.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico,
    ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti:
    abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26