Istituzioni divise la mafia ringrazia

10 dicembre 2009 - Tonio Dell’Olio

Lo scenario è il seguente. I ministri dell’interno e della giustizia convocano una conferenza stampa per vantare i successi che sono stati raggiunti nella lotta alla mafia con gli arresti di pericolosi latitanti grazie all’azione di forze dell’ordine e magistrati. Nel corso dell’incontro, il ministro Alfano afferma: “Lavorando di più in procura e senza le luci delle telecamere si arresta qualche latitante in più, con qualche convegno in meno e qualche latitante in più si fa il bene del Paese”.
La contraddizione è duplice: Alfano dice questo mentre lui è di fronte alle telecamere e pertanto se non si fanno due pesi e due misure... lo stesso si potrebbe dire per ogni attività pubblica, anche per chi ha incarichi di governo.
Secondo, lo dice mentre sta celebrando i successi dei magistrati. Anche di quelli che partecipano ai convegni.
La verità è che l’azione di contrasto alle mafie sarebbe sicuramente più efficace se tutte le istituzioni, magistratura e rappresentati dello Stato, collaborassero tra loro concentrando ogni sforzo in questa direzione.
Insomma, da polemiche e divisioni, le mafie traggono solo vantaggio.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36